Cerca nel blog

giovedì 22 novembre 2012

Viaggio nei dialetti: il sardo di Fabrizio

                               Monti di Mola di Fabrizio De Andrè

In li Monti di Mola
la manzana
un'aina musteddina era pascendi

in li Monti di Mola
la manzana
un cioano vantarricciu e moru
era sfraschendi


Sui Monti di Mola
la mattina presto
un'asina dal mantello chiaro stava pascolando
sui Monti di Mola
la mattina presto
un giovane bruno e aitante
stava tagliando rami

e l'occhi s'intuppesini cilchendi ea ea ea ea
e l'ea sguttesida li muccichili cù li bae ae ae

e l'occhi la burricca aia
di lu mare

e a iddu da le tive escia
lu Maestrale

e idda si tunchià abbeddulata ea ea ea ea
 iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae

e gli occhi si incontrarono mentre cercavano acqua
e l'acqua sgocciolò dai musi insieme alle bave
e l'asina aveva gli occhi
color del mare
e a lui dalle narici usciva
il Maestrale
e lei ragliava incantata ea ea ea ea
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae

'Oh bedda mea
l'aina luna
la bedda mea
capitale di lana

oh bedda mea
bianca foltuna.'

 'Oh bella mia
l'asina luna
la bella mia
cuscino di lana
O bella mia
bianca fortuna'

'Oh beddu meu
l'occhi mi bruxi
lu beddu meu
carrasciale di baxi

 oh beddu meu
lu core mi cuxi'

'O bello mio
mi bruci gli occhi
il mio bello
carnevale di baci
oh bello mio
mi cuci il cuore' 

 Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa.

Amori steddu
di tutte l'ore
di petralana lu battadolu
di chistu core
.
 Amore grande
di prima volta
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto.
Amore bambino
di tutte le ore
di muschio il battacchio
di questo cuore.

 Ma nudda si po' fa nudda
in Gaddura
che no lu ènini a sapi
int'un'ora.

e 'nfattu una 'ecchia infrasconata fea ea ea ea
piagnendi e figgiulendi si dicia cù li bae ae ae

'Beata idda
uai che bedd'omu
beata idda
cioanu e moru
beata idda

sola mi moru
beata idda
ià ma l'ammentu
beata idda
più d'una 'olta
beata idda
'ezzaia tolta'

 Ma nulla si può fare nulla
in Gallura
che non lo vengono a sapere
in un'ora
e sul posto una brutta vecchia nascosta tra le frasche
piangendo e guardando diceva fra sé con le bave alla bocca
'Beata lei
mamma mia che bell'uomo
beata lei
giovane e bruno
beata lei
io muoio sola
beata lei
me lo ricordo bene
beata lei
più d'una volta
beata lei
vecchiaia storta'

Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa

Amori steddu
di tutte l'ore di petralana lu battadolu
di chistu core

Amore grande
di prima volta
l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto
amore bambino
di tutte le ore di muschio il battacchio
di questo cuore

E lu paese intreu s'agghindesi
pa' lu coiu
lu parracu mattessi intresi
in lu soiu


ma a cuiuassi no riscisini
l'aina e l'omu
chè da li documenti escisini
fratili in primu

e idda si tunchià abbeddulata ea ea ea ea
iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.
E Il paese intero si agghindò
per il matrimonio
lo stesso parroco entrò
nel suo vestito
ma non riuscirono a sposarsi
l'asina e l'uomo
perché ai documenti risultarono
cugini primi
e lei ragliava incantata ea ea ea ea
lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae.

Nessun commento:

Posta un commento