Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 18 marzo 2014

Similitudini e differenze



Italiani e spagnoli si assomigliano? Due articoli, due opinioni, di Juan Arias e Iñigo Domínguez, entrambi giornalisti e scrittori spagnoli vissuti (ed ancora vivono nel caso di Domínguez) in Italia.

"Se ha llegado a creer que españoles e italianos se entienden en seguida sin haber estudiado antes los respectivos idiomas. Nada más falso. Son dos lenguas que no se pueden entender ni menos hablar si no se estudian a fondo. De hecho, todos los hombres públicos de ambos países acaban echando mano del intérprete. Otra cosa que puede engañar es que Italia es quizá el único país del mundo con tal capacidad de aceptación y tan escasos sentimientos chovinistas que basta que sepas 10 palabras de su lengua para que te piropeen diciéndote que la hablas divinamente. Pero ambos idiomas son tan distintos como la gente que los habla. Una vez fui testigo en la trattoria romana La Toscana, en la Fontana de Trevi, de algo muy curioso y sintomático. Un español recién llegado de Francia se quejaba del carácter antipático de los franceses, y me decía: "Aquí da gusto, te entiendes en seguida con la gente". Y mantuvo una larga conversación con un camarero, entre risas y palmotadas en la espalda e intercambio de fotos y de señas. Pero de lo que no se enteraron fue de que durante todo el tiempo el español hablaba de un tema y el camarero de otro. ". da Españoles e italianos de Juan Arias (El País, 28 marzo 1984, clicca sopra per leggere l'intero articolo)

Una lunga intervista a Iñigo Dominguez, inviato speciale del giornale El Correo e residente a Roma dal 2001: "Si vas a Italia con tus cojones por delante te comen con patatas sin que te des cuenta" (clicca sopra per leggere l'intera intervista)

venerdì 7 febbraio 2014

Premio Pepe Carvalho 2014

Ieri, giovedì 6 febbraio 2014, Andrea Camilleri ha ricevuto a Barcellona il IX Premio Pepe Carvalho (per ascoltare  le sue parole, nel video, andate direttamente al minuto 36).

Oggi, venerdì 7 febbraio alle 16:30, presso Barts (Av. Parallelo 62, Barcelona), Conversazione con Andrea Camilleri; intervengono Pau Vidal (scrittore e traduttore dell'opera di Camilleri in catalano) e Jokin Ibáñez, ingegnere.
L'evento verrà trasmesso in streaming su http://bcnegra.bcn.cat/ca/streaming; è anche prevista la traduzione simultanea.
Tutti gli eventi sono nell'ambito della settimana del racconto noir BCNegra (qui il programma completo).
Il Premio Pepe Carvalho è nato in omaggio alla memoria di Manuel Vázquez Montalbán, di cui quest'anno ricorre il decimo anniversario della morte. La giuria, composta da Jordi Canal, Andreu Martín, Rosa Mora, Daniel Vázquez Sallés, Sergi Vila-Sanjuán e Paco Camarasa, ha deciso all'unanimità di concedere il Premio ad Andrea Camilleri:
«Creatore del personaggio di Salvo Montalbano, il commissario protagonista di una delle saghe poliziesche più lette in catalano ed in castigliano, e ad oggi uno dei più autentici rappresentanti del noir mediterraneo. Come Pepe Carvalho, Salvo Montalbano è un personaggio pieno di vitalità, tentazioni e contraddizioni che preferisce le strade all’ufficio, lo sguardo e la parola alle innovazioni informatiche. Entrambi sono testardi e intransigenti nel perseguire la giustizia. Entrambi hanno bisogno della verità ed entrambi ci vogliono far partecipi della loro lotta per un mondo in cui i potenti non siano al di sopra della legge. Non possiamo parlare della cultura mediterranea senza considerare l’insieme dell’opera di Andrea Camilleri, un’opera tanto estesa come quella di Manuel Vázquez Montalbán.»

mercoledì 5 febbraio 2014

Un film da vedere


 Erano i primi di  febbraio del  2009 e questo accadeva in Italia.
Bella addormentata, il bellissimo film di Marco Bellocchio che si svolge durante gli ultimi sei giorni di vita di Eluana Englaro e racconta le storie di alcuni personaggi direttamente o indirettamente coinvolti nel delicato tema dell’eutanasia.
Qui di seguito il link per vedere il film on line.

 Josep Ramoneda il 10 febbraio del 2009 pubblicava nel quotidiano 'El País' questo articolo: 'Eluana y los cuervos'


martedì 28 gennaio 2014

In ricordo di Beppe Fenoglio



Nel cinquantesimo anniversario della morte dello scrittore Beppe Fenoglio, la casa editrice Sajalín di Barcellona presenterà, tradotti per la prima volta in spagnolo, "Il partigiano Johnny" e "Un giorno di fuoco". Interverranno la traduttrice Pepa Linares, l'editore Daniel Osca e Giovanni Albertocchi (Università di Girona). 
Dove? Presso la Libreria 'La Central' di C/ Mallorca 237
Quando? giovedì 30 gennaio alle 19.30

Per chi ama ascoltare i libri, trovate qui i podcast di un suo romanzo "Una questione privata".
http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/alta_voce/archivio_2005/eventi/2005_10_01_unaquestioneprivata/index.cfm

martedì 21 gennaio 2014

La cosa più difficile: la scelta dell'ausiliare

Ecco un esercizio orale molto utile per esercitarsi sulla scelta dell'ausiliare nei tempi composti, che oggi pubblica l'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.  

Una delle cose più difficili per gli studenti madrelingua catalani o spagnoli è la scelta degli ausiliari nei tempi composti (ho andato o sono andata da Marco? avevo venuto o ero venuta da te? mi avrei svegliata da sola o mi sarei svegliata da sola?)
Spesso la regola si sa, ma quando si parla l'ausiliare corretto non viene spontaneo e automatico.

Istruzioni.
Ascoltare la frase al presente, cliccare su pause e trasformarla (mentalmente od oralmente, senza scrivere). Cliccare su play, ascoltare la frase corretta, passare alla seconda frase.
Cercate di mantenere una certa velocità. Quando si parla non si ha molto tempo per riflettere sulla grammatica. Quest'esercizio serve proprio a questo, a rendere la scelta dell'ausiliare automatica e istintiva".

https://soundcloud.com/antonella-berriolo/sets/ausiliare

lunedì 20 gennaio 2014

A febbraio di nuovo in cucina


A Febbraio riprendiamo i nostri corsi di cucina italiana in italiano a Poblenou. Saranno tutti i venerdì della tabellina del sette, dalle 18.00 alle 21.00.

7 febbraio: gnocchi e tiramisù
14 febbraio: risotto e panna cotta
21 febbraio: pizza e focaccia
28 febbraio: tagliatelle al ragù
7 marzo: ravioli e tortellini

Prezzi (ingredienti esclusi)
Una lezione: 15 euro
5 lezioni: 70 euros


Luogo: Casal del barri 'Can Gili Nou, in Carrer Taulat 3-5 (fermata della Metro: Llacuna)


Per informazioni e prenotazione: auladitalianopoblenou@gmail.com o chiamando ai numeri 93 106 57 74 o 625 940 917